I Benefici della Camminata Veloce

Cam­mi­nare all’aria aperta è un’attività che rige­nera a 360 gradi. Respi­rare e muo­vere tutto il corpo con la cam­mi­nata veloce è essen­ziale per la salute ed il benes­sere del corpo e della mente. Per que­sto si con­si­glia di pri­vi­le­giare i per­corsi lon­tano dal traf­fico e dall’inquinamento in modo da “ossi­ge­nare” meglio l’organismo e la mente.

Lo stress si fa sen­tire ogni volta che si affronta un pro­blema, al lavoro o nella vita di tutti i giorni. Appro­fit­tare sem­pre di una pausa per una cam­mi­nata è un’occasione per stac­care il cer­vello dalle pre­oc­cu­pa­zioni della vita quo­ti­diana. Cam­mi­nando a un ritmo veloce, l’organismo pro­duce una quan­tità di endor­fine fino a 5 volte supe­riore che a riposo. Chia­mate “ormoni della feli­cità”, le endor­fine sono una fonte di benes­sere per il corpo e la mente, per­met­tono di svi­lup­pare i pen­sieri posi­tivi e di pre­ve­nire la depres­sione legata allo stress. Da qui ha ori­gine la sen­sa­zione di sere­nità e di calma che si per­ce­pi­sce durante e dopo l’attività fisica.

Tutti cono­sciamo i fat­tori che aumen­tano le pro­ba­bi­lità di rischio di morte da malat­tie car­dio­va­sco­lari. Gra­zie alla pra­tica rego­lare della cam­mi­nata, l’allenamento del muscolo car­diaco è il modo migliore per pro­teg­gerci dai pro­blemi car­dio­va­sco­lari. Essendo un’attività fisica mode­rata e di resi­stenza, la cam­mi­nata veloce favo­ri­sce la cir­co­la­zione san­gui­gna. Essendo inol­tre un’attività fisica priva di traumi da impatto al suolo come la corsa, la cam­mi­nata veloce, asso­ciata ad una dieta, è rac­co­man­data per per­dere peso nei sog­getti con sovrac­ca­rico ponderale.

Il cuore è un vero e pro­prio stru­mento di misu­ra­zione della forma e dell’intensità dello sforzo. Durante la cam­mi­nata si deve sem­pre essere in grado di tenere una con­ver­sa­zione e di respi­rare in modo pro­fondo e rego­lare. Se la fre­quenza car­diaca è troppo alta, man­cherà il fiato e ci si sen­tirà affa­ti­cati. Asso­ciando una cor­retta respi­ra­zione alla giu­sta dose di sforzo, si godrà di tutti i bene­fici che la cam­mi­nata veloce avrà da offrire allo stato di salute.

Il con­si­glio è di cam­mi­nare almeno per 30 minuti, da 3 a 5 giorni a set­ti­mana ad una fre­quenza car­diaca com­presa tra il 50 e il 75% della FCM (Fre­quenza Car­diaca Mas­sima). Per cono­scere la fre­quenza car­diaca mas­sima biso­gna sot­to­porsi in un cen­tro medico spor­tivo ad test dello sforzo. Altri­menti si può cal­co­lare empi­ri­ca­mente in que­sto modo: 220 — n° di anni di età. Per con­trol­lare la fre­quenza car­diaca durante l’esercizio è con­si­gliato l’uso di un cardiofrequenzimetro.

Alle­na­mento dopo alle­na­mento, la fre­quenza car­diaca dimi­nuirà a riposo, men­tre durante lo sforzo si noterà un aumento meno rapido e meno ele­vato del ritmo car­diaco. Pro­se­guendo con costanza nella pra­tica, si potrà quindi soste­nere uno sforzo sem­pre più intenso poi­ché anche il cuore sarà sem­pre più forte.

Rin­for­zare il sistema car­dio­re­spi­ra­to­rio e stare all’aria aperta quo­ti­dia­na­mente sono un bino­mio vin­cente con­tro lo stress.

Fonte Dr. Filippo Ongaro http://www.filippo-ongaro.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *